Parlando di Lolita,di film preferiti,e del significato del mio nickname.


Mi sono appena accorta che io,in questo blog,non ho mai parlato di Lolita,del perchè fa parte del mio nickname,e non ho mai parlato dei miei film preferiti.

Allora,Lolita è un Romanzo di Vladimir Nabokow,pubblicato nel lontanissimo 1955 che fece particolarmente scandalo per la sua storia…
Nel 1962 uscì il film,ispirato al romanzo,diretto da Stanley Kubrick che fece altrettanto scandalo,vennero,purtroppo,censurate molte scene.
Infine nel 1997 uscì il remake del film,diretto da Adrian Lyne,altrettanto brutalmente censurato… Con una Lolita a dir poco splendida e mozzafiato:Dominique Swain.

Fatta questa piccola intro,Lolita parla di un amore che io definisco “malato”,la definisco più un’ossessione,una dolce ossessione che diventa letale per la mente…
Lolita è una giovane ragazza (nel romanzo,ha 12 anni,nel film ne ha 16,nel remake ne ha 14) o meglio,una ninfetta,molto bella,brillante,curiosa,ribelle,maliziosa,testarda ed intraprendente.
Humbert Humbert è un insegnante di letteratura francese 40enne,che a seguito di un divorzio,si trasferisce in una piccola città,cercando un po’ di pace volendosi solo dedicare alla scrittura.

Non si aspettava però,che la figlia della proprietaria dell’appartamento,ovvero Lolita,lo colpisse così tanto… Le ricordò il suo primo amore,mai dimenticato,che finì a causa della morte della giovane ragazza…

Ecco da lì nasce la storia,una storia complicata,che proseguendo diventa “quasi” incestuosa.
C’è chi dice che sia semplicemente la storia di un pedofilo malato e una ragazzina,mentre io non sono affatto d’accordo,consiglio di leggere il libro e vedere entrambi i film a chiunque pensi questa cosa,perchè di solito tutti ne parlano,ma nessuno l’ha letto o visto.

Io non amo il film originale perchè non mi trasmette assolutamente nulla,considerando anche il fatto che è abbastanza vecchiotto… Ho amato,e amo,follemente il remake,perchè mi trasmette ogni singola emozione,e mi fa capire pienamente la personalità di entrambi.

In quell’età,si inizia a scoprire il proprio corpo,la sessualità,l’amore,iniziano le curiosità,si inizia a capire la malizia E la fase “Lolita” chi più chi meno,la passano un po’ tutte.
Perchè la donna,oltre alla curiosità,tende sempre a cercare la maturità e la sicurezza,sin da piccola inizia a sognare e a maturare un’età mentale sempre superiore a quella fisica.

Io infatti,non posso negare,che una certa differenza d’età,non mi dispiace e non mi spaventa,ovviamente entro certi limiti e facendo molta attenzione,perchè Humbert Humbert,follemente innamorato e disposto a fare tutto per Lolita,esiste solo nel romanzo,nella realtà è tutto ben diverso.. C’è H. H. che si finge in un modo,e si rivela approfittatore…quasi sempre è così,perchè ci sono cascata in pieno,tempo fa,al fascino del 30enne misterioso,scrittore e compositore che mi beccò nel pieno della fase Lolita (maggiorenne) nel pieno della mia disperazione e solitudine.

Ossessione e Amore,sono cose ben diverse,quando un’Amore diventa Ossessione,la situazione diventa pericolosa e tagliente.

Il significato del mio nickname,oltre ad essere un omaggio ai miei film preferiti (Lolita,e lost and delirious è il nome inglese del film “l’altra metà dell’amore”),è un po’ la mia definizione passata e presente… Una ragazza,che avrebbe bisogno di un uomo vero al suo fianco,ma non trovandolo,trovando solo bugie,si sente persa e delirante.

Ecco qua,mi sono dilungata parecchio,ma non ho il dono della sintesi,e soprattutto mi piace spiegarmi per bene.

Come ho scritto qui sopra,oltre Lolita,amo profondamente L’altra metà dell’amore,storia tragicamente meravigliosa,l’amore fatto a film che ogni persona dovrebbe vedere.

Adoro anche Ragazze interrotte,film davvero particolare e coinvolgente.

Mesi fa,ho aggiunto nella lista dei preferiti,I ponti di Madison County,cioè,dovete vederlo,un film adorabile,realizzato benissimo e con una Meryl Streep INCANTEVOLE.

Un grande classico,lo so,ma io lo adoro,Titanic.
Lunghissimo,emozionante,tragico,a tratti straziante.. Ma mi affascinerà sempre,e la fine mi farà sempre piangere milioni di lacrime.

Adoro tremendamente anche Avatar,ambientazione stupenda,storia davvero bella,film coinvolgente e MAI noioso,non vedo l’ora che esca il secondo…

Mentre,quest’ultimo,non è nella lista dei miei film preferiti… Ma è il film,che in assoluto,mi ha colpito di più,mi ha fatto star male,davvero,non parlo solo di lacrime ma di malessere interiore. Si chiama Boys don’t cry. Io ho deciso di non vederlo una volta e mai più.. Parla di una ragazza,che si sente uomo,e si finge uomo,non aggiungo altro,se siete persone estremamente sensibili come me,vi sconsiglio di guardarlo.

Io amo vedere film con storie importanti,mi fanno riflettere e a volte mi fanno anche sognare.
Le lacrime che scendono per i film,penso siano le lacrime migliori che ci siano,sono tutte emozioni quelle..

Spero di non essere stata noiosa,se qualcuno vuole consigliarmi qualche film sarò ben lieta di ascoltarvi 🙂 O nel blog o su ask http://ask.fm/lolitalostandelirious

Annunci

6 thoughts on “Parlando di Lolita,di film preferiti,e del significato del mio nickname.

  1. Io preferisco nettamente il film di Kubrick rispetto alla versione più recente, ma sono gusti. 🙂
    Piuttosto, se hai apprezzato “Lolita” e lo stile di Nabokov, ti consiglio anche “Ada o ardore”, che ho finito da poco e secondo me è “sottovalutato” rispetto alla fama di “Lolita”. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...